Il nuovo codice etico ICF in pratica

26/05/2020


Cosa c’è di nuovo nel Codice Etico di ICF entrato in vigore all’inizio del 2020?

 

Da un codice del “io, coach, mi impegno a non fare, all’introduzione nel 2015 di un codice al positivo (mi impegno a fare) ecco un cambiamento di approccio radicale.

ICF abbandona il fare e si concentra sull’essere menzionando il rischio inevitabile per ogni professionista ICF di trovarsi in situazioni di dilemma, di conflitti d’interesse, di decisioni anche difficili da prendere.

 

La risposta è un Codice Etico che evidenzia le responsabilità del coach nei confronti dei clienti, della sua pratica e performance, verso la professionalità e nei confronti della società.

Ad un’introduzione sfidante in cui si ricorda che per ogni seria controversia resta applicabile la Ethical Conduct Review, segue l’elenco delle definizioni chiavi, tra cui la figura del professionista ICF che include oltre ai coach membri di ICF o con credenziali ICF, anche i Coach Supervisori, i Mentor Coach, i Coach Trainer e gli studenti di Coaching.

 

Nuovo anche il termine di uguaglianza sistemica che oltre all’uguaglianza di genere, di etnia riguarda tutte le altre forme di uguaglianza che sono istituzionalizzate nei principi etici, nei valori fondamentali, nelle strutture e culture di comunità, organizzazioni, nazioni e società.

 

Raggruppati per campo di responsabilità, troviamo 28 standard etici da applicare alle attività professionali che lasciano lo spazio all’interpretazione necessario per essere un punto di riferimento di valore per ogni professionista ICF, in tutti i contesti culturali in cui vive e agisce. 

L’idea del webinar è stata quella di tracciare insieme ai partecipanti una sorta di identikit etico- comportamentale del professionista ICF, delle sfide che si trova ad affrontare nella vita non soltanto nell’ambito professionale ma a tutto tondo.  

Nel prepararlo, abbiamo deciso di condurlo in modo interattivo coinvolgendo i partecipanti e stimolandoli ad esprimere le loro opinioni tramite 5 sondaggi online sugli standard etici, in modo da rendere il codice “vivo” e dinamico, fonte di ispirazione nella prassi quotidiana, nonché sui valori ICF che sono la colonna portante del codice.

I risultati “strepitosi” della breve indagine a risposta multipla hanno confermato quanto questo nuovo codice è fresco, immediato e ricco di riflessioni.

 

Prossimamente saranno pubblicati in italiano gli “interpretative statements” che sostituiscono le FAQ di una volta con orientamenti di pensiero utili per avviare la discussione e il dialogo tra tutti gli associati sull’etica che ci contraddistingue.

Come Comitato Etica siamo sicuri che questo Codice permetterà a tutti di parlare di etica, facendosi delle domande e confrontandosi, passando dalla prospettiva del “j’accuse” ad un atteggiamento di “mi chiedo se…” da portare in discussione e condividere.

 

Comitato Etica

Webinar “Il nuovo codice etico in pratica” – 18/05/2020

Il nuovo codice etico ICF in pratica